40 Jahre Audi quattro

40 anni di quattro:
Rivoluzione della trazione integrale

Chi dice quattro intende Audi e chi dice Audi intende molto spesso quattro: 40 anni dopo il debutto della prima Audi quattro, il marchio con i quattro anelli tira un bilancio impressionante: fino alla fine del 2019 in tutto il mondo Audi ha prodotto quasi 10,5 milioni di auto con trazione integrale, solo nell’ultimo anno sono stati 804 224 unità. Nel 2019 quasi il 45% dei clienti Audi ha scelto un modello con trazione quattro.

Una leggenda celebra il 40o compleanno. Da 40 anni la trazione quattro è uno dei pilastri tecnologici più forti del marchio con i quattro anelli e, tranne nella compatta A1, è presente in ogni serie. L’Audi quattro era originariamente solo un piccolo prototipo, che però ha convinto in tutti i test, contribuendo notevolmente al successo di Audi.

Scarica tutto
00:00 | 00:00
  • 40 anni di quattro

  • 40 anni di quattro

  • 40 anni di quattro

  • 40 anni di quattro

  • 40 anni di quattro

  • 40 anni di quattro

  • 40 anni di quattro

  • 40 anni di quattro

Audi quattro

«Vorsprung durch Technik»:

Sebbene Audi utilizzi questo slogan già dal 1971, è stato soltanto con l’uscita dell’Audi quattro nel 1980 che il suo messaggio è esploso con tutta la sua forza. La parola «quattro» sta per «quattro ruote». Il motto «Vorsprung durch Technik» comincia a dare i suoi veri frutti all’inizio degli anni ‘80. Prima dell’introduzione dell’aerodinamica Audi 100 (generazione C3), è l’Audi quattro a scuotere il comparto. Presentata al pubblico nel mese di marzo del 1980 all’Autosalone di Ginevra, l’Audi quattro viene celebrata e osannata dalla stampa specializzata di tutto il mondo con una sensazionale raffica di superlativi.

Audi quattro

Prototipo dell’Audi quattro

La quattro è stata progettata da un piccolo team di ingegneri di sviluppo presso Audi. Durante i test invernali del 1977, in cui dovevano essere messi alla prova nuovi modelli Audi, il responsabile dei test Jörg Bensinger constata che il veicolo al seguito da lui guidato – un fuoristrada Volkswagen Iltis a trazione integrale con 75 CV – è di gran lunga il veicolo più veloce in condizioni invernali. Di ritorno, racconta delle esperienze fatte durante i test a Ferdinand Piëch, allora nella direzione del reparto Sviluppo di Audi, e lo convince a far produrre da un piccolo gruppo di collaboratori un prototipo con motore turbo a cinque cilindri e trazione integrale basato sull’Audi 80. Nel 1978 i lavori sono a buon punto e il prototipo è pronto per essere presentato al direttivo di Volkswagen. La presentazione si svolge in occasione di un test in Austria, in cui, su una ripida pendenza innevata, era in corso la prova delle gomme invernali e delle catene da neve montate su altri veicoli. Il prototipo della quattro tiene la salita senza problemi, montando pneumatici estivi. Nell’estate del 1978 viene organizzata un’altra dimostrazione in cui il prototipo della quattro deve risalire per un prato ripido e fortemente intriso d’acqua. Tra tutti i veicoli portati per il confronto, soltanto il prototipo della quattro supera la prova. Di lì a poco il direttivo di Volkswagen a Wolfsburg ne avrebbe approvato la costruzione.

Audi quattro

La Svizzera come paese del quattro

La quattro è naturalmente un’auto perfetta per il territorio elvetico, dov’era quindi attesa con enorme interesse. La Svizzera diventa presto il «paese del quattro». Un altro episodio aiuta a consolidare questa unione: nel 1984 AMAG organizza a Davos un evento a cui partecipa il campione mondiale di rally Hannu Mikkola con l’Audi quattro. Allo stesso tempo la polizia dei Grigioni deve andare a recuperare delle persone bloccate dalla neve sul Passo Flüela. Guidare sul passo con il veicolo allora utilizzato dalla polizia è però impossibile. Interviene quindi Mikkola, che insieme a un poliziotto sale su per il passo senza problemi a bordo della quattro che monta pneumatici estivi. La leggenda vuole che questo episodio abbia suscitato talmente tanto clamore, che da quel momento la norma sull’utilizzo delle catene è stata mitigata a tal punto che i veicoli a trazione integrale non hanno più l’obbligo di montarle. Audi provvede subito a dotare della tecnologia quattro tutte le sue serie: il vantaggio tratto dalla tecnologia spiana la strada al marchio, che ben presto diviene il numero uno nel segmento premium. La concorrenza ci arriva solo diversi anni più tardi, con l’invenzione dei SUV.

Audi quattro

quattro allora e oggi

Audi dimostra per anni di avere «Vorsprung durch Technik», realizzando veri e propri capolavori tecnologici. Per esempio è stata la prima casa costruttrice di grandi serie a portare sul mercato un modello, l’Audi A8, con carrozzeria in alluminio e a invertire così la spirale del peso. L’A8 a trazione integrale era infatti più leggera dei modelli concorrenti a trazione posteriore. Audi è stata il primo costruttore ad aggiudicarsi la 24 Ore di Le Mans prima con una TDI da corsa a diesel e poi con un’auto da corsa ad alimentazione ibrida. E con l’e-tron quattro, il primo SUV completamente elettrico, Audi continua anche oggi a dettare gli standard in fatto di tecnologia.

Le pietre miliari
I successi riportati
  • Dal 1980 prodotte quasi 10,5 milioni di auto con trazione quattro
  • Bilancio 2019: prodotti 804 224 modelli quattro in tutto il mondo, di cui 258 765 in Germania
  • La tecnologia quattro è inclusa di serie in tutte le Audi potenti
Le tecnologie meccaniche quattro
  • Ampia gamma di tecnologie: trazione integrale permanente quattro, quattro con tecnologia ultra per modelli con motore anteriore montato in longitudinale, in più differenziale per molti modelli di fascia alta
  • quattro con frizione a lamelle per i modelli con motore trasversale e la vettura sportiva R8
La trazione integrale elettrica
  • Audi e-tron ed e-tron Sportback con due motori elettrici a controllo indipendente
  • Prototipi Audi e-tron S ed e-tron S Sportback con tre propulsioni elettriche, di cui due motori elettrici sull’asse posteriore, con Torque Vectoring elettrico
Le pietre miliari della tecnologia
  • Gli anni da 1980 a 1999: prima Audi quattro del 1980 e Sport quattro (1984) con differenziale centrale bloccabile manualmente, 1986 differenziale Torsen, 1999 TT e A3 con trazione quattro
  • Gli anni dal 2000 al 2020: 2005 differenziale centrale con distribuzione asimmetrica e dinamica, 2007 Audi R8 con frizione visco, 2008 differenziale sportivo, 2016 quattro con tecnologia ultra
quattro nelle corse automobilistiche
  • Gli anni ‘80: dal 1982 al 1984 quattro titoli nel campionato del mondo di rally, dal 1985 al 1987 tre vittorie nella cronoscalata del Pikes Peak; in seguito grandi successi negli USA nella TransAm Series e nella IMSA GTO Series
  • Gli anni ‘90: 1990 e 1991 campionati piloti nel DTS, 1996 sette titoli nella categoria Super Touring Car in una stagione
  • Dal 2010: tre vittorie a Le Mans e quattro titoli WEC da parte dell’Audi R18 e-tron quattro
La tradizione Audi incontra la modernità
Scarica tutto
00:00 | 00:00
  • 40 anni di quattro

  • 40 anni di quattro

  • 40 anni di quattro

  • 40 anni di quattro

  • 40 anni di quattro

  • 40 anni di quattro

  • 40 anni di quattro

  • 40 anni di quattro

  • 40 anni di quattro

  • 40 anni di quattro

Altri articoli sul tema: